Una vacanza in Italia: alla scoperta delle Marche. Il mare e le spiagge della Riviera del Conero.

Vogliamo portarvi nelle Marche, per l’esattezza alla scoperta delle spiagge della riviera del Conero. Una settimana di solo mare in Italia, una vacanza inaspettata per noi che siamo abituati a ben altri tour de force. Ma…

Siamo a Giugno del 2020, qualche mese dopo una pandemia globale, abbiamo un disperato bisogno di ferie, (quelle di fine Maggio a Lanzarote sono saltate), abbiamo due bimbe piccole e Ludovica continua a chiedere a modi martello pneumatico che vuole andare al mare, vogliamo muoverci solo in macchina e vogliamo scoprire qualche posto nuovo. La scelta è ricaduta così nelle Marche esattamente nella riviera del Conero con le sue spiagge da cartolina.

Le Marche, la riviera del Conero, non sono solo mare, ma anche luoghi da scoprire, dei quali ve ne parliamo prossimamente. Nelle prossime righe vogliamo solo raccontarvi del mare e delle spiagge che potete trovare in questo scorcio di costa Italiana.

Come in tutti i posti che si visitano anche qua abbiamo trovato spiagge che ci sono piaciute di più e altre meno. Spiagge più facilmente raggiungibili e bimbo friendly altre meno. Ma, onestamente, siamo stati molto felici della scelta fatta e abbiamo scoperto questa parte d’Italia per noi fino a poche settimane fa sconosciuta, essere un’ottima meta italiana per una vacanza in famiglia.

Paese che visiti posto del luogo che trovi, vi anticipiamo che abbiamo anche trovato la nostra spiaggia preferita. Un piccolo paradiso del quale ci siamo innamorati fin da subito, non vi resta che scoprire qual’è continuando con questa piacevole lettura.

Prima di partire in questo tour tra le spiagge della riviera del Conero, abbiamo un ultimo ma importantissimo consiglio da darvi. Le scarpette da scoglio sono altamente consigliate. Noi purtroppo non ce le avevamo e in alcune spiagge più che in altre abbiamo, come dire, “sentito la spiaggia sotto i piedi”. Camilla, forse per i suoi piccoli piedini non ha avuto grossi problemi, ma Ludovica spesso metteva le ciabattine.

Lungomare di Marcelli

Qua è esattamente dove alloggiavamo noi nell’appartamento di Demis prenotato su Air B&B a due passi dalla spiaggia e dal centro di Marcelli. E’ una lunga spiaggia di sabbia con aree libere e stabilimenti balneari con giochi per bambini. Molto simile al lungomare di Numana.
Noi qua ci siamo stati il primo e l’ultimo giorno di vacanza. Abbiamo fatto vincere la comodità sulla voglia di scoperta di nuove spiagge.

Spiaggia San Michele – Sassi Neri

Questa spiaggia a Sirolo è veramente bella, l’ideale sarebbe arrivarci presto la mattina, quando il colore dell’acqua cristallino e la spiaggia di ciotoli dai colori pastello ricordano un ambiente tropicale, caraibico. Molto lunga e abbastanza ampia è in parte libera e in parte attrezzata. C’è posto per tutti. E’ raggiungibile sia con mezzi propri che pubblici. Noi, per ovvie ragioni, abbiamo scelto di usare la nostra macchina. Avendo le due bambine preferiamo non dover essere legati a mezzi ed orari, ma seguire i ritmi di Ludovica e Camilla. A breve un articolo dedicato a questa spiaggia.

La Spiaggiola

Insenatura di ghiaia protetta da un lato dal Conero e dall’altro dal piccolo porticciolo di Numana. Qui potete trovare uno stabilimento balneare e una piccola zona libera. Ci hanno detto essere bellissima, ma ad onor del vero noi in questa spiaggia non ci siamo stati.

Spiaggia Urbani di Sirolo

Piccola insenatura nel Conero con spiaggia di ghiaia in parte attrezzata e in parte libera. Si può raggiungere sia con mezzi propri che privati, in ogni caso gli ultimi 100 metri sono da fare a piedi. La fermata dell’autobus vi lascia esattamente dal Bar Vittoria, ossia all’inizio del boschetto, mentre con la macchina trovate diversi parcheggi sulla strada a tornanti che va fatta per raggiungere la spiaggia.

Diciamo che va anche un po’ a fortuna, quella mattina la fortuna con noi ha girato bene e abbiamo trovato posto nell’ultimo parcheggio, di fronte al Bar Vittoria, (il parcheggio costa 1.10€ l’ora, dato aggiornato a Giugno 2020). Eravamo tanto increduli che siamo entrati nel bar a chiedere se si potesse parcheggiare. Dopodichè, per arrivare in spiaggia c’è da fare questa camminata in un boschetto tutto all’ombra dal quale si può godere di un panorama davvero fantastico, da cartolina. Un quadro. Fattibile col passeggino tranne l’ultimo pezzo dove ci sono una decina di scalini per mettere piede sulla spiaggia.

Spiaggia Le due sorelle

Questa doveva essere la prima spiaggia dove passare il nostro primo giorno di vacanza, ma alla fine i piani sono cambiati. Il suo nome è dovuto ai due faraglioni bianchi che sbucano dalle acque di questo mare cristallino. E’ una spiaggia molto selvaggia di ghiaia e ciotoli, raggiungibile solo via mare, è completamente libera e non ci sono né bar né ristoranti. I barconi partono dal porto di Numana, per tutte le informazioni il sito di riferimento è www.traghettidelconero.it, quando ci siamo stati noi c’era solo una partenza alle 9 di mattina e per il ritorno due, una alle 12.00 e una alle 14.00, (dati aggiornati a Giugno 2020).

Con le nostre due ragazze, molto dormiglione, essere alle 9.00 a Numana ci sembrava impossibile, stancante anche solo l’idea. Siamo pur sempre in vacanza. In più ci saremmo dovuti portare di tutto e di più vista l’assenza di punti di ristoro. Se Camilla o Ludovica avessero avuto in momento no non saremmo potuti andare a casa. Per tutte queste ragioni abbiamo abbandonato l’idea.

Spiaggia del Frate

Ecco la nostra preferita, la spiaggia del Frate. La prima volta l’abbiamo vista dall’alto ed e’ stato amore a prima vista. Spiaggia assolutamente da non perdere se vi trovate nella riviera del Conero. Abbiamo deciso de dedicare un articolo a questa spiaggia e potete trovare qua tutte le info utili ed il racconto delle nostre giornate su questa meravigliosa spiaggia. Mi ha ricordato molto la spiaggia di Antisamos a Cefalonia.

Portonovo

Dopo Sirolo, alle pendici del monte Conero, si possono trovare varie insenature con ghiaia e ciotoli con acqua cristallina, incastonata nella natura selvaggia del Parco del Conero. Qua è consigliato portarsi le scarpette di plastica. Anche qua, come sempre, si può arrivare sia con mezzi pubblici che propri. Con i mezzi proprio si può parcheggiare nei vari parcheggi libero o a pagamento orario. O, in alternativa, nel maxi parcheggio con tariffa giornaliera prima di scendere verso la baia di Portonovo. Da qui si decide poi verso quale spiaggia dirigersi. Anche qui non ci siano stati, abbiamo deciso per altre spiagge.

Mazzavalle di Portonovo

Spiaggia selvaggia ma, a detta dei racconti ricevuti, molto affascinante. Fin da subito sapevamo che non ci saremmo andati. Per arrivarci, ma soprattutto per tornare poi indietro sono necessarie le scarpe da trekking e abbigliamento sportivo. Avendo la Cami nel passeggino, la Ludo che non ama molto camminare ed essendo in vacanza, l’abbiamo scartata. Voleva essere una vacanza di relax e voglia di faticare e scarpinare ne avevamo ben poca….

Che prima o poi avessimo fatto una vacanza di mare in Italia lo sapevamo. Ma mai ci saremmo immaginati che sarebbe stata fatta così a breve termine e soprattutto non nelle Marche. Le mete di mare in Italia che abbiamo da sempre immaginato di visitare erano la Sicilia e la Puglia. Invece, inaspettatamente, quest’anno ci siamo ritrovati a fare una vacanze nelle Marche organizzata all’ultimo, dieci giorni prima della partenza. Sarà che la Riviera del Conero era una meta a noi sconosciuta, sarà che avevamo un estremo bisogno di relax e serenità, di rivivere all’aria aperta ed avere giornate leggere e spensierate. Abbiamo riscoperto le Marche un’ottima meta per le famiglie, e per chi dopo il mare vuole andare alla scoperta del territorio potete trovare qua consigli su luoghi d’interesse da visitare.

Vieni a trovarci su Instagram: simplecrazyfamily
o sulla nostra pagina Facebook: simple crazy family

**Alle foto, come al solito fatte da noi, non è stata fatta alcuna modifica o messo alcun filtro.

simplecrazyfamily
Chiudi il menu