Lo shopping di una futura Mamma – Parte 2 – In base alle necessità del neonato

Quando si è in dolce attesa siamo assalite da mille dubbi, molti dei quali legati al fatto di cosa c’è da comprare. Una volta che abbiamo deciso le cose indispensabili, possiamo dedicarci ai dettagli. Una breve guida allo shopping di una futura mamma in base alle necessità del neonato.

Eccoci di nuovo qua per concludere lo shopping quando la famiglia si allarga. Abbiamo già definito l’indispensabile e approfondito i “pezzi grossi”, (in tutti i sensi). Adesso vediamo quelli più piccini in base alle necessità del neonato.

Ci sono tanti altri piccoli “accessori” che ci potrebbero servire per e con il nuovo arrivato. Cose che diamo per scontato o alle quali non diamo peso ma che con qualche piccolo accorgimento potrebbero renderci la vita più semplice.

Come sempre io vi parlo in base alla nostra esperienza!!!!

Mangiapannolini: noi abbiamo il Maialino della foppapedretti. E’ poco ingombrante e ha le ricariche universali. Con Ludovica l’abbiamo usato tantissimo. Con Camilla un po’ meno. I pannolini in casa sono diventati troppi e avendo messo i bidoni per la spazzatura sul poggiolo, il mangiapannolini è andato in pensione.

Fascia/marsupio: anche su questo argomento ci sono due correnti di pensiero. Quella “assolutamente si” e quella “ma anche no”. Ecco, io penso che prima di comprare una fascia o un marsupio aspettate che nasca vostro figlio. Vedrete cosa è meglio per lui e se lo accetta. Per esempio nessuna delle mie due figlie ha amato particolarmente essere portata, le poche volte che ho usato il marsupio piangevano. Tenete presente che una volta che vostro figlio è nato potrete andare nelle varie fascioteche, dove ci sono esperte del portare che sapranno consigliarvi al meglio.

Cuscino allattamento: benchè io non abbia allattato l’ho trovato stra utile sin dagli ultimi periodi della gravidanza. Noi avevamo preso il DreamWizard della Nuvita. Un cuscino dalle mille funzioni. In gravidanza lo potete usare come supporto per dormire meglio. Una volta nato vostro figlio vi servirà per mantenere la giusta posizione in allattamento. Durante la crescita vi servirà come supporto per vostro figlio, come nido o per aiutarlo e insegnarli a stare seduto.

Biberon: solo ed esclusivamente se l’allattamento ha deciso di non essere dalla nostra parte!!! Noi abbiamo scelto i Biberon MAM, leggete qui. Sono anticolica e autosterilizzanti. Per noi sono stati utili e fondamentali. Da ormai due anni e mezzo a questa parte ci seguono ovunque..!! Nel caso scegliete altri tipi di biberon vi consiglio lo sterilizzatore da microonde. Molto più pratico e piccolo, ve lo potete portare ovunque. Ovviamente se usate i biberon non dimenticatevi il porta latte, 3 scompartimenti per portare in giro solo le dosi già fatte di latte.

Ciucci: noi abbiamo usato i gommotti, quelli fatti interamente in siliconi. Quelli che avevano la plastica dura le mie figlie li sputavano dopo due ciucciate. Forse perché ciucciavano talmente forte che gli lasciavano il segno in faccia. Sul mercato ce n’è per tutti i gusti e tutte le marche, e anche tutte le “taglie”. Chicco, Nuvita, Momcozy

Tiralatte: ci sono si elettrici che manuali. Io aspetterei a fare l’acquisto. Potreste non averne bisogno, per comprare c’è sempre tempo.

Vorrei aprire una parentesi sulle tutine e sui cambi.

Care mamme, il discorso è semplice, la quantità dei cambi e delle tutine che vi serviranno sarà direttamente proporzionale a quanto rigurgita vostro figlio.

Inizialmente vi direi di non comprare cinquantamila tutine per i primi giorni. Anche perché quando nascerà vostro figlio chi non saprà cosa regalarvi, vi porterà dei vestiti. Spesso della taglia per i primi mesi di vita. Quindi potreste trovarvi con un’infinità di cambi per il primi mesi che non riuscirete ad usare tutti vista la velocità di crescita che hanno nei primi mesi.
Detto ciò, dovete però tenere presente del rigurgito. Che lo scoprirete solo a nascita avvenuta.

Esempio pratico: Ludovica ha rigurgitato dal primo pasto fino alle minestre. Più di un anno di rigurgiti ad ogni pasto. Quando prendeva il latte facevamo fuori due cambi a pasto. Un incubo. Camilla non ha mai mai rigurgitato. Magari non finisce il biberon, ma quello che beve lo tiene tutto. E la vita è molto più semplice.

Va da se che anche la quantità di bavaglini deve essere proporzionale….

Per quando iniziano a crescere un pochino invece mi sento di darvi ancora un paio di consigli:

Box: per Ludovica lo abbiamo usato tanto, lei ci stava volentieri. Con tutti i giochi dentro stava li tranquilla per ore, poi aveva anche imparato a tirarsi su. Quindi la vedevi in piedi dentro al box bella contenta. Per Camilla non lo useremo perché le cose sono aumentate e gli spazi si sono ridotti, la casa è rimasta sempre la stessa. E devo ammettere che mi dispiace un pochino.

Cuocipappa: sul mercato ce n’è di diversi tipi e di diverse dimensioni. Fa le prime pappe molto bene, la minestra viene bella liscia. Noi ce l’abbiamo avuto ma non l’abbiamo ritenuto così fondamentale. Anche perchè spostandoci costantemente tra Genova e Pietra Ligure più volte la settimana, spesso ci ritrovavamo a doverla fare sul momento a causa di vari motivi. Quindi vedete voi anche in base agli spazi della cucina-

Thermos pappa: io vi consiglio quelli mono dose. Sul mercato ne trovate di ogni tipo. Noi abbiamo il thermos della 40 settimane, che stiamo usando tuttora per Camilla. Ci sta un solo pasto, è piccolo e poco ingombrante. Difficilmente un bambino fa pranzo e cena fuori stando in giro tutto il giorno senza mai passare in una casa…!!!

Dopo avervi parlato delle cose più grosse e ingombranti, direi che con questo articolo ho chiuso il cerchio parlando un po’ di tutte le cose.

Se non avete ancora letto la Parte 1 – L’indispensabile per un neonato, leggete qui.

Se avete qualche domanda più specifica, se volete qualche consiglio specifico non esitate a contattarmi. Direttamente qua sul sito, su Instagram o su Fb. Io ci sono.

 

Se pensate che questo articolo sia utile condividetelo con altre future mamme!!!!

Vieni a trovarci su Instagram: simplecrazyfamily
e sulla nostra pagina Facebook: simple crazy family

POTRESTI ANCHE LEGGERE

simplecrazyfamily

Ciao!!! Sono Giorgia, mamma di due bimbe, Ludovica e Camilla. Questo piccolo spazio tutto per me è nato dall’idea di condividere con voi la nostra vita da genitori e le mie passioni tra viaggi e cucina. Nessuna enciclopedia della brava mamma, ma semplicemente le nostre avventure.

CHI SONO
simplecrazyfamily
Chiudi il menu