Seggiolino auto e dispositivo anti abbandono. Il decreto entra in vigore il 7 Novembre. La Legge, le sanzioni, gli incentivi. Cerchiamo di scoprire qualcosa di più.

E’ ufficiale. Il decreto in merito ai dispositivi anti abbandono sui seggiolini auto, è entrato in vigore, senza proroga, il 7 Novembre. Siamo veramente tutti pronti? Sappiamo a cosa andiamo incontro?

Se ne parla ormai da un po’ di tempo a questa parte. Era ormai ufficiale che la legge in merito all’obbligo di dotazione dei seggiolino auto con dispositivo anti abbandono per bambini minori ai 4 anni, sarebbe entrata in vigore il 6 Marzo 2020. Senza preavviso è stata anticipata al 7 Novembre 2020. C’è da dire che questo cambio repentino e inaspettato coglie alcuni genitori un po’ impreparati. Le ragioni ufficiali non si sanno. Si posso fare solo supposizioni.

Il 20 Novembre è la Giornata Internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. Giornata che celebra la Convenzione internazionale sui diritti dell’Infanzia e l’impegno avuto nella difesa dei diritti dei bambini. La continua tragedia di decessi di minori avvenuti a causa dell’abbandono in auto. Potrebbero aver influito sulla decisione presa.

La legge

In una nota del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti pubblicata sul sito ufficiale si legge: “Il regolamento di attuazione dell’articolo 172 del nuovo Codice della Strada in materia di dispositivi anti abbandono è stato pubblicato il 23 ottobre sulla Gazzetta Ufficiale ed entrerà in vigore 15 giorni dopo, il 7 novembre del 2019 (ai sensi dell’art. 10 delle preleggi). L’obbligo riguarda l’installazione a bordo dei veicoli di un dispositivo di allarme la cui funzione è quella di prevenire l’abbandono dei bambini di età inferiore ai quattro anni.”

L’articolo 1, invece, definisce il dispositivo anti abbandono come “ un dispositivo di allarme, costituito da uno o più elementi interconnessi, la cui funzione principale è quella di prevenire l’abbandono dei bambini di età inferiore ai 4 anni, a bordo dei veicoli e che si attiva nel caso di allontanamento del conducente dal veicolo.”

Nessuna proroga.

Al momento non sono state date notizie di rinvio o variazione.

Sulla Legge 117/2018 si legge che il nuovo obbligo avrebbe avuto effetto solo 120 giorni dopo l’entrata in vigore del decreto ministeriale. Ma, il Consiglio di Stato aveva comunque affermato che, sebbene bisognasse lasciare il tempo per adeguarsi, la legge avrebbe avuto un’entrata in vigore non successiva al 1° Luglio scorso. Dunque, sarebbe servita una nuova disposizione di legge per cancellare la data del 1° Luglio. Che, però, non è mai stata fatta.

Detto ciò, la circolare si limita ad affermare che: «le disposizioni operative del decreto ministeriale sono in vigore dal 7 novembre 2019 e, di conseguenza, dalla stessa data sono applicabili le sanzioni». Quindi, in parole povere, scatteranno da subito le multe.

A titolo informativo, comunque, anche il mercato ha dimostrato di non essere pronto a quest’entrata in vigore repentina e immediata. In molti negozi la scelta era limitata ad un tipo solo. In altri sono finiti nel giro di poche ore.

Le sanzioni previste.

Nonostante si possa prevedere una certa “gentilezza” da parte delle forze dell’ordine durante il primo periodo, le sanzioni sono diverse: una multa che varia tra 81 e 326 euro. La decurtazione di 5 punti dalla patente. In caso di recidiva anche la sospensione della patente da 15 giorni a due mesi.

Gli apparecchi anti abbandono.

Inizialmente non sarà nemmeno semplice verificare se gli apparecchi siano a norma di legge o meno, anche per le forze dell’ordine. Anche perché, al momento, non ci sono dettagli precisi sull’omologazione.

Al momento per questi dispositivi esiste solo un’auto-certificazione della casa produttrice. Questa deve attestare che il dispositivo abbia eseguito il test senza alterare la capacità protettiva del seggiolino. (Diciamo che qua la legge si è un po’ persa…). Quindi, fate bene attenzione!! E’ Fondamentale che vi facciate rilasciare l’autocertificazione del prodotto al momento dell’acquisto.

Le uniche cose che si sanno in merito ai dispositivi anti abbandono sono che: devono essere in grado di attivarsi automaticamente, e dare un segnale di conferma al conducente nel momento in cui lo fanno. In caso di necessità devo dare l’allarme e attirare l’attenzione del conducente con segnali visivi e acustici, percepibili dentro e fuori l’auto. Che possano essere collegati ad uno smartphone con messaggi e/o chiamate. Anche su quest’ultima c’è da far presente che i cellulari posso essere scarichi, senza campo o non averli con se.

Al momento sul mercato si trovano sia i seggiolini con il dispositivo anti abbandono già integrato, che dispositivi utilizzabili su qualunque seggiolino. E quindi possono seguire il bebè, magari quando vengono portati dai nonni. Per la cronaca, noi abbiamo ben 4 seggiolini. Va da sé che il mio consiglio sia che, se dovete comprare un seggiolone in questo momento, compratelo col dispositivo già integrato.

Gli incentivi.

Era stato stanziato un incentivo per le famiglie che dovevano affrontare la spesa, ovviamente fino ad esaurimento fondi. Ma visto che non si sanno ancora le modalità di erogazione di questo “bonus”, il mio consiglio è quello di conservare lo scontrino di avvenuto acquisto.

Al momento non sono state pervenute altre informazioni ufficiali. Quindi, cari genitori, non ci resta che adeguarsi quanto prima possibile. La sicurezza non ha né tempo né prezzo.

Vieni a trovarci su Instagram: simplecrazyfamily
o sulla nostra pagina Facebook: simple crazy family

POTRESTI ANCHE LEGGERE

simplecrazyfamily

Ciao!!! Sono Giorgia, mamma di due bimbe, Ludovica e Camilla. Questo piccolo spazio tutto per me è nato dall’idea di condividere con voi la nostra vita da genitori e le mie passioni tra viaggi e cucina. Nessuna enciclopedia della brava mamma, ma semplicemente le nostre avventure.

CHI SONO
simplecrazyfamily
Chiudi il menu