Olanda, il nostro primo viaggio con la bambina. Un on-the-road del paese tra Amsterdam, tulipani e molto altro.

L’ Olanda non è solo Amsterdam e tulipani, ma anche tanto altro. Vi raccontiamo le bellezze di questo paese nel nostro primo on-the-road con una bambina.

E’ arrivato il giorno della partenza per l’On-the-Road dell’Olanda.
Le valigie sono pronte, e, sperando di non esserci dimenticati nulla soprattutto per lo svezzamento di Ludovica , siamo all’aeroporto di Genova in attesa dell’imbarco per il volo su Amsterdam.

E’ inizio Settembre, Ludovica festeggerà i suoi primi 7 mesi ad Amsterdam. Avevamo già fatto l’On-the-Road dell’Islanda ma eravamo senza figlie. E non sapevamo ancora che due anni dopo avremmo fatto l’On-the-Road della Slovenia con due bambine.

Atterrati ad Amsterdam in serata a causa di un po’ di ritardo, abbiamo subito ritirato la macchina e siamo partiti per andare verso nord.

Prima tappa Giethoorn.

Un paesino interamente pedonale, un districarsi di piccoli canali che si fanno spazio tra le antiche abitazioni con il tetto di paglia e quelle nuove. La pista ciclabile e le barchette per visitare il paese sotto un altro punto di vista. Un paesino tranquillo, immerso nel verde, davvero stupendo, è rimasto nel cuore di entrambi. Noi siamo stati due notti all’Hotel Giethoorn.

Da li abbiamo cominciato la nostra discesa verso sud.

Siamo passati da Eindhoven.

Una cittadina molto bella e pulita. Il centro raccolto e ordinato, è tutto pedonale. Noi alloggiavamo al Crown Hotel Eindhoven. Centralissimo, all’interno della zona pedonale, quindi girare con la bimba nel passeggino non è stato un problema. Siamo stati al museo della Philips, bellissimo per noi, interattivo e interessante. Ha anche un parte dedicata ai bambini, ma Ludovica era troppo piccola.

Tanti localini per pranzo e cena dove si può mangiare bene a prezzo contenuto. Noi avevamo cenato al Drinker Pub, ve lo stra consigliamo. Una birreria. Locale tipico frequentato per lo più da gente locale. Pochi piatti ma fatti bene. Bell’ambiente e personale gentilissimo. Non hanno fatto una piega quando siamo entrati con il passeggino, anzi, hanno cercato di darci la migliore sistemazione per il passeggino.

Abbiamo proseguito il giro facendo tappa a Kinderdijk.

Località famosa per i suoi diciannove mulini a vento. Peccato per la brutta giornata, ma il panorama è davvero bello e per certi punti di vista, surreale. Un’immensa prateria con questi enormi mulini messi simmetricamente l’uno all’altro lungo il ciglio del canale fino a perdersi all’orizzonte. Simbolo della gestione delle acque in Olanda, alcuni sono visitabili. Sono stati dichiarati patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1997.

Siamo arrivati a Rotterdam.

Onestamente come città in sé e per sé non ci è piaciuta molto. Anche se, per questioni logistiche, ci siamo fermati due notti al Novotel Rotterdam Brainpark. Ha un bellissimo mercato coperto tutto decorato al suo interno. Oltre a poter comprare ci sono anche stand di cucina dove poter assaggiare piatti locali. L’altra cosa che ci è piaciuta sono le case cubiche di Piet Blom, esattamente di fronte al mercato dall’altra parte della strada.

Lasciamo Rotterdam per muoverci verso Ovest.

Un giro a Delft , L’Aia e Leida, tutte e tre cittadine stupende.

Accomunate da piccoli centri pedonali, puliti e ordinati, che si snodano attorno una rete di canali. Camminare in questi reticoli è un piacere sia per gli occhi che per l’anima, è così rilassante e pacifico. Piacevoli fermarsi a bere una birretta nei locali lungo i canali, magari con sottofondo un gruppo che suona musica dal vivo.
Noi ci siamo fermati a dormire a Leida al Van der Valk Hotel Leiden, sistemazione davvero valida sotto tutti i punti di vista. Affacciato sul fiume, se la sera non si vuole uscire, ha un ottimo ristorante al suo interno.

Come ultima tappa arriviamo ad Amsterdam.

Qua riconsegniamo la macchina e ci fermeremo 4 giorni in città. Abbiamo scelto un hotel un po particolare, di design, consigliatoci da amici che c’erano stati qualche mese prima. Il Volkshotel. Situato a pochi metri dalla fermata metro Wibautstrast, in quartiere tranquillo e pulito, poco distante dal centro.
In questi giorni abbiamo girato Amsterdam solo a piedi, Ludovica nel passeggino e via!!
E’ camminando per le città che si può vedere e scoprire la vera bellezza dei posti che stiamo visitando.

Siamo arrivati al mercato galleggiante sui canali di Amsterdam, qui potete trovare in vendita tulipani e fiori di ogni genere. Se volete portarvene qualcuno a casa vendono anche bulbi di ogni tipo.

Siamo stati alla fabbrica della Heineken, molto molto bella, ha anche una parte interattiva e una con cinema in 4D. Nonostante Ludovica non sia stata grande abbastanza per capire certe cose, aveva lo sguardo interessato e partecipe, sorrideva, era felice, si è divertita tantissimo.
Più o meno a metà museo, per pochi euro, puoi personalizzare una bottiglia di birra da ritirare poi all’uscita.

Poi il museo di Van Gogh, dove si trova la più grande collezione di opere del pittore. Gli spazi sono molto grandi e quindi non c’è nessun problema a girarlo con un passeggino.

Abbiamo fatto anche una degustazione di formaggi Reypenaer e vino.

Ovviamente non sono mancate la crociera tra i canali e il giro nel quartiere a luci rosse.

Il venerdì mattina siamo andati ad Alkmaar al famosissimo mercato dei formaggi. Ci si arriva tranquillamente con 1 oretta di treno. Oltre alle varie bancarelle e stand, nella la piazza principale si può assistere allo spettacolo folkloristico che racconta della vendita del formaggio secondo una tradizione di secoli fa.

La vacanza è finita e torniamo a casa col cuore e la mente pieni di ricordi.

L’Olanda è un paese per una vacanza adatta a famiglie e bambini. Visti i molteplici spostamenti in macchina, mi sento però di sconsigliare un viaggio del genere quando i bambini iniziano a gattonare e a voler scoprire il mondo da soli.

Non sapevamo cosa aspettarci visto che il nostro primo On-the-Road in Islanda era senza figli. Ma, la nostra prima vacanza On-the-Road in 3 è stata perfetta. Questa scelta di viaggio è stata molto azzeccata.
Abbiamo seguito i ritmi di Ludovica senza rinunciare a vedere qualcosa di più interessante anche per noi.
Due anni dopo faremo anche l’On-the-Road della Slovenia, stavolta sarà la nostra prima vacanza in quattro.

Per qualche spunto, questo è stato il nostro itinerario di viaggio:

1° Giorno: arrivo ad Amsterdam, ritiro auto e partenza per Giethoorn. Pernottamento a Giethoorn
2° Giorno: visita della cittadina di Giethoorn con pernottamento.
3° Giorno: partenza per Eindhoven, visita della cittadina e pernottamento.
4° Giorno: partenza per Kinderdijk per la visita dei 16 mulini a vento, nel pomeriggio prosecuzione verso Rotterdam con pernottamento.
5° Giorno: mattino visita della città di Rotterdam, pomeriggio e cena nella cittadina di Delft.
Pernottamento a Rotterdam.
6° Giorno: mattino partenza per visitare l’Aia, nel pomeriggio partenza per Leida con pernottamento.
7° Giorno: partenza per Amsterdam e riconsegna dell’auto noleggiata, visita della città e pernottamento ad Amsterdam.
8° Giorno: visita della città di Amsterdam.
9° Giorno: in mattinata visita al mercato dei formaggi di Alkmaar. Pomeriggio Amsterdam.
10° Giorno: rientro a Genova.

Vieni a trovarci su Instagram: simplecrazyfamily
e sulla nostra pagina Facebook: simple crazy family

POTRESTI ANCHE LEGGERE

simplecrazyfamily

Ciao!!! Sono Giorgia, mamma di due bimbe, Ludovica e Camilla. Questo piccolo spazio tutto per me è nato dall’idea di condividere con voi la nostra vita da genitori e le mie passioni tra viaggi e cucina. Nessuna enciclopedia della brava mamma, ma semplicemente le nostre avventure.

CHI SONO
simplecrazyfamily
Chiudi il menu