Halloween: tempo di Jack-o’-Lantern. Ecco come intagliare una zucca per la nostra lanterna. Attività da fare con i nostri bambini.

“Amore, com’è la zucca? Spaventosa!?” – “ No Mamma, io no pura. Ucca bella, occhi e occa”. Questo è il risultato dopo aver intagliato la nostra zucca. Forse abbiamo tolto la paura a Ludovica?!?!

A parte il fatto che Ludovica si perde qualche lettera da alcune parole, la notte tra il 31 Ottobre e il 1° Novembre la festa di Halloween è sbarcata anche oltreoceano. Prima di vedere come abbiamo fatto la nostra zucca, (in fondo all’articolo il link al nostro video), andiamo a scoprire un pochino la storia di questa festa diventata ormai un’usanza anche per noi Italiani. Soprattutto se si hanno bambini.

La simbologia della morte e dell’occulto è la caratteristica di questa festa.

E’ una festa di origine celtica, ad oggi tipica degli Stati Uniti e del Canada. Una volta sbarcata negli Stati Uniti ha preso questo stile horror che la contraddistingue. Tipici di Halloween sono appunto i travestimenti macabri. Zombi, vampiri, streghe, fantasmi, scheletri e chi più ne ha più ne metta. E la zucca intagliata con all’interno una candela per illuminarla, (Jack-o’-Lantern).

In passato, non l’ho mai festeggiata quando ero in Italia. Era l’occasione per andare via qualche giorno, se era un giorno settimanale era un giorno di festa da scuola, non l’ho mai ricondotta ad un momento particolare da festeggiare in grande stile. Ma quando si hanno i figli tutto cambia.

“Dolcetto o Scherzetto?”

E quando si parla di bambini si parla di “dolcetto o scherzetto?”. Si, perché ad Halloween è di tradizione che i bambini, mascherati, bussino di casa in casa chiedendo dolciumi o caramelle facendo questa tipica domanda. Ho festeggiato Halloween solo quando facevo la ragazzi alla pari a Dublino, ormai decenni fa. Lì avevo anche imparato la tipica filastrocca inglese che i bambini usano dire una volta che gli aprono la porta: “Trick or treat, smell my feet, give me something good to eat.”. In inglese è tutta in rima e suona bene, la traduzione in italiano non suona altrettanto bene. Sarebbe: “Dolcetto o scherzetto, annusami i piedi, dammi qualcosa di buono da mangiare”.

La leggenda di “Jack-o’-Lantern”.

Per vostra curiosità personale, l’usanza di intagliare la zucca è stata “copiata” dalla tradizione di incidere le rape e farne delle lanterne con le quali ricordare le anime bloccate nel purgatorio. Già che festeggiamo una festa non nostra, ne ho approfittato per scoprirne qualcosa di più.

E’ una leggenda di origine irlandese che racconta di un fabbro, Jack. Furbo, avaro e ubriacone, una sera incontrò il diavolo al pub. Quando la sua anima era quasi nelle mani del demonio a causa della sua ubriachezza, Jack chiese al diavolo di trasformarsi in una moneta per un’ultima bevuta, promettendogli in cambio la sua anima. Jack ripose subito il demonio nel borsello accanto ad una croce d’argento affinché non potesse ritrasformarsi. Il diavolo, per farsi liberare, promise a Jack che non si sarebbe preso la sua anima nei successivi dieci anni.

Dieci anni dopo il demonio di ripresentò al cospetto di Jack, il quale gli chiese se potesse raccogliergli una mela dall’albero prima di prendersi la sua anima. Jack, apparentemente furbo, aveva però posizionato una croce sul ramo per impedire al diavolo di scendere. Dopo un diverbio raggiunsero un accordo: il diavolo avrebbe dovuto risparmiare a Jack la dannazione eterna in cambio della libertà.

Jack però ebbe una vita tanto sregolata e quando morì fu rifiutato dal Paradiso. Una volta arrivato all’Inferno venne cacciato anche da lì, dal diavolo che gli ricordò del patto. Vagando alla ricerca di un luogo in cui riposare sereno, contestò che fosse freddo e buio. Al che il diavolo gli tirò un tizzone ardente, Jack lo prese e lo mise all’interno di una rapa intagliata che aveva con sé.

Ecco il perché nella notte di Halloween potreste vedere una fiammella che vaga nel buio alla ricerca della strada di casa. E’ la fiammella di Jack.

Come intagliare una zucca.

Ludovica ha 2 anni, e per la prima volta abbiamo deciso di intagliare una zucca anche noi e farci la nostra Lanterna. Chissà che riusciamo a far passare la paura al Ludovica. Si, perché fino adesso quando vede le zucche illuminate ci dice “pura, pura”.

Qui potete vedere il nostro video tutorial sulla nostra Jack-o’-Lantern. Devo ammettere che per essere la prima mi considero più che soddisfatta.

Come potrete vedere dal video servono pochissime cose: una zucca, una penna per fare il disegno e un coltello per intagliarla. Un cucchiaio o cucchiaino per svuotarla. Un lumino. Un po’ di fantasia e il gioco è fatto. Gli occhi incuriositi e felici di Ludovica, le sue domande e la sua partecipazione hanno reso questa prima volta fantastica.

Buon divertimento a tutti per la notte di Halloween. La notte più paurosa e spaventosa dell’anno.

 

Vieni a trovarci su Instagram: simplecrazyfamily
o sulla nostra pagina Facebook: simple crazy family

POTRESTI ANCHE LEGGERE

simplecrazyfamily

Ciao!!! Sono Giorgia, mamma di due bimbe, Ludovica e Camilla. Questo piccolo spazio tutto per me è nato dall’idea di condividere con voi la nostra vita da genitori e le mie passioni tra viaggi e cucina. Nessuna enciclopedia della brava mamma, ma semplicemente le nostre avventure.

CHI SONO
simplecrazyfamily
Chiudi il menu